venerdì 17 agosto 2012

No, non mi piace viaggiare!

Ed eccomi nella lounge United dell'aeroporto di San Francisco in attesa del mio volo infinito per l'Australia. E' da tempo che non provo più alcuna eccitazione o piacere nel viaggiare, e dovreste vedere la smorfia disgustata che mi viene quando sento qualcuno che pronuncia una delle frasi fatte più comuni del nostro tempo:"mi piace viaggiare". Inconsapevoli che quella frase viene da un altro tempo, dove i viaggiatori erani nobili del Nord Europa che calavano in Italia come vaggiatori del Grand Tour, pronti ad aprire le menti alla bellezza classica del nostro Paese.
A me viaggiare fa ormai schifo da tempo, forse da quando una notte mi svegliai in una stanza d'albergo al buio, senza riferimento alcuno e senza la più pallida idea di dove mi trovassi.
Non sapevo nemmeno in che continente fossi.
Per 5 interminabili minuti la mia mente vagò disperata alla ricerca di un indizio di dove fossi, o almeno di dove fosse l'interruttore della luce. Rimasi immobile, sollevato dal letto e con una gran rabbia. E disperazione.
Poi scesi dal letto e trovai l'interruttore della luce, e finalmente ricordai. Ricordai  dove mi trovavo.
No, non mi piace proprio più viaggiare.
Voster semper Voster

22 commenti:

  1. I viaggi veri e proprii quelli con gli aerei..la grande folla,le gite preconfezionate anche a me non piacciono e non mi sono mai piaciuti.
    I viaggi come i tuoi...credo per lavoro, alla lunga stressano e stancano.
    Il mio ultimo viaggio è stato "diverso" ed è durato circa cinque anni...poi è finito nel giro di pochissimi giorni e mi sono trovata nel deserto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho idea che il tuo sia un altro tipo di viaggio.

      Elimina
  2. Usignur, che ansia mi hai fatto ricordare!
    COmunque proprio per evitare quel tipo di risveglio nel mezzo della notte e l'attacco di panico e terrore che mi piglia quando non capisco dove mi trovo, io da anni non dormo piu' nel buio completo.
    Tende aperte, tapparelle su, o luci lasciate accese in altre stanze... purche' ci sia penombra e io possa vedere dal letto quel che ho attorno.
    Chiamatemi pure Cuor Di Leone.

    Alice panicatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu staicon un sant'uomo. Altroche'! :-)

      Elimina
  3. È ciò che potete permettervi di dire voi che viaggiate o che avete viaggiato molto (mio marito compreso). Io invece ho ancora voglia di vedere e decollare e atterrare, purtroppo devo conciliare le esigenze di coppia... fosse per me sarei sempre da qualche parte!

    RispondiElimina
  4. alla lunga stufa...era successo anche a me nel 2010, quando mi trovavo in California e ho preso 6 voli in due settimane per andare a dei colloqui...cosa fai in Australia? scusa la domanda magari stupida, ma è la prima volta che capito da queste parti...sono arrivata qui dal blog di Eleonora...ciao!

    RispondiElimina
  5. io non sopporto quando mi dicono "che fortunato che sei a viaggiare così tanto per lavoro!"..eh perchè non sanno cosa vuol dire. Dai ritieniti "fortunato" a me in genere tocca viaggiare 2 settimane al mese per lavoro.

    RispondiElimina
  6. vuol dire che hai viaggiato troppo e per lavoro :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, vuol dire che non mi piace piu' viaggiare.

      Elimina
  7. il viaggio associato al lavoro secondo me è un'altra cosa rispetto al viaggio di scoperta/conoscenza/vacanza. ha un altro sapore, ed è molto più stancante. il primo annoia anche me, mentre viaggerei molto di più per diletto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io no, anche i viaggi turistici non li sopporto piu'

      Elimina
  8. Succede.. quando si "cercano" le radici.. ahahhah Anna

    RispondiElimina
  9. Anche io odio viaggiare!
    Ho iniziato a 4 anni. Ho sempre viaggiato (spedita a 13 anni a Cambridge quando ancora non lo faceva nessuno) e ora vivo all'estero. Mi tocca tornare in Italia dai parenti due volte all'anno e ho una casa in campagna dove devo andare ogni week-end. UFF
    Diciamo che con la globalizzazione trovo che viaggiare sia sempre meno interessante - dappertutto è la stessa solfa, gli stessi vestiti, gli stessi negozi, lo stesso cibo. Negli alberghi si dorme male, dimentichi sempre qualcosa, si mangia da schifo e non sano.
    Gli aeroporti non sono più posti piacevoli ma pieni di gente che sgomita che si scatta foto col telefonino. Se si vuole viaggiare bene bisogna spendere una barca di soldi e, comunque sia, ormai trovi il cafone anche in business class. Forse viaggiano bene veramente solo i Reali, in posti esclusivi senza gente che si dimena.
    Pure a me non piacciono i viaggi turistici. Figurati che ho fatto la guida turistica per un periodo. Per carità...
    Ciao
    Ale

    RispondiElimina
  10. Concordo appieno e provo gli stessi sentimenti. E' consolante trovarli rispecchiati qui'.

    RispondiElimina
  11. E ora, passati anni e altri viaggi, detesti ancora viaggiare?

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.