lunedì 30 gennaio 2012

Il Liquorino Tipico

Tanti anni fa, quando l'Emigrante era un giovine di belle speranze venne per la prima volta in America. Era tanto tempo fa, figuratevi che Geronimo ancora combatteva gli americani  con il vero nome di Ernesto Gibia (pochi sanno che Geronimo era il nome d'arte di un emigrante nostrano di Caltanisetta).
L'Emigrante (io, no Geronimo!) una sera  era al ristorante dopo aver finito di mangiare  un hamburger ebbe l'ardire di chiedere:" Oste della malora portami qualcosa di tipico del tuo locale, chesso' un liquorino  della zona, qualcosa che si trovi solo qui!".
L'oste  lo fisso' per venti  secondi buoni con quell'espressione che di solito si assume  quando uno pensa "deve essere drogato. No, deve avere una rara malattia inabilitante. Meglio che la cambio la carne surgelata degli anni '60".
Ripresosi dalla domanda rispose con una certa professionalita' "Non so che intenda per tipico, ma come liquori  abbiamo jagermeister, amaretto di Saronno(!) e Jack Daniels".
L'oste della malora mi aveva appena impartito una lezione (no, non quella di mai fare incazzare chi ti serve il cibo che senno' ti sputa nel piatto)  semplicissima; non esiste nulla di tipico nel States.
Se da qualche parte fanno qualcosa che sia vagamente decente poi diventa un prodotto di massa.
Ieri sera l'Emigrante (sempre io non Geronimo), giovine di belle speranze (non fate gli spiritosi che vi modero) arrivato in quel di Los Angeles si e' recato in un locale tipico del posto: un ristorante vietnamita.
Ed oggi  in omaggio alle tradizioni locali andra' a mangiare in un altrettanto tipico ristorante messicano.
Sotto in foto il tipico skyline di LA che si scorge dall'altrettanto tipicissimo albergo grattacielo in vetrocemento. 
Tipico panorama che si scorge dall'Hotel dell'Emigrante (Non Geronimo)

In America non vi e' nulla di tipico.
Voster semper Voster



35 commenti:

  1. Hei! Saronno è dove prendo io il treno ogni mattina! Peccato che il nostrano amaretto non si faccia più li. :(

    PS: non si dice vetrocemento! ;)
    (Perdona la pignoleria)

    PPS: sono il giovane rompipalle della provincia meneghina che ti scrive le mail per Natale. Ho chiuso l'account Google e ommenterò come W. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma orta fai l'agento segreto w?
      A volte mi fate paura

      Elimina
  2. Non esiste niente di tipico in America? Ma hai mai provato a cercarlo veramente? Ordinare qualcosa di tipico da Burger King e' un po' complicata come cosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito il commento. Da quale esperienza di vita americana viene questo suggerimento a cercare la tipicita'?
      E poi, ti sembra che io sia tipo da andare da Burger King?

      Elimina
  3. Forse la cosa più tipica è proprio il cibo messicano specialmente da quelle parti.

    RispondiElimina
  4. Ma scusate il burro di arachidi non è una cosa tipica ammmericana!
    Tra l'altro l'ho provato ed è così pastoso che dopo non parli + per giorni!!
    Ciao
    Gavi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccerto che e' tipica americana, ma lo trovi ovunque in America, pure dal benzinaio.

      Elimina
  5. Bello, però, che tieni un diario di questi episodi...immagino andrebbero persi, diversamente, una volta assimilati come la normalità del posto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' poi utile, semmai in un futuro lontano non fossi piu' giovine di belle speranze, no?

      Elimina
  6. ehy, a julian ci sono le torte di mele!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scommetto che e' la solita apple pie.
      Penso che vi siano almeno 5 o 6 posti per contea che pretendono di avere torte specialissime, solo perche' magari mettono due chiacchia di cannella invece che uno :-)

      Elimina
  7. Hi hi, l'amaretto di Saronno! Ti hanno mai offerto il Vov? Qui si stupiscono tutti quando dico che in Italia non è proprio una bevanda diffusissima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai offerto il Vov. Non sapevo fosse popolare. Che poi il Vov e' buono!
      Ti devo raccontare una storia invece sul Cynar una volta, anzi forse ci faccio un post.

      Elimina
  8. E allora, qualora un giorno Iddio nostro Signore dovesse ascoltare le mie preghiere e concedermi la possibiltà di vivere negli Usa,nel container di deodoranti dovrei far spazio per una sostanziosa quantità di bottiglie di Braulio (Braulio riserva però, che è tutta un'altra cosa).

    RispondiElimina
  9. Ah, se lo so! la solita assenza di tipicita' tipica dell'ammerica!
    Pero' dai, ci provo:
    I bagel di Niu' Iorche
    La cheese cake di Niu' Iorche
    Un paio di robette mica male in New Orleans...
    Oltre a cio' vedo il nulla.

    Alice atipicizzatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma il punto e' che qualla oba la trovi ovunque.

      Elimina
  10. Concordo con il post, ma devo dire che qui a NOLA di cose tipiche un po' ne abbiamo... non per niente è una città che non sembra americana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nola? Where's that? E che avete di tipico?

      Elimina
    2. New Orleans LA, abbiamo: gumbo, jambalaya, alligator in salsa piccante, king cake, chicory coffee, beigneits, red beans and rice e sono sicura che c'è altro, ma sono le 8 del mattino e al momento non mi sovviene :)

      Elimina
  11. Ma allora tutte quelle sagre, che ci propinano nei film, nelle quali ci sono gare di fantasmagoriche torte della mamma, nonna, zia con ricette segretissime tramandate da generazioni e che minacciano di causare assuefazione al primo assaggio tanto sono speciali dove sono?No!Non dirmi che anche le sagre sono una finzione!Noooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle gare esistono (mai viste qui nell'ovest, ma ne ho vste in South Carolina).
      Ma il punto non sono le torte, ma chesso' un taglio di carne, un liquore.

      Elimina
    2. Capisco ma anche tu Emigrante vuoi, come si usa dire "La botte piena e la moglie ubriaca". Perché non ti inventi tu qualche cosa? magari mescoli lo jagermeister con la Coca Cola

      Elimina
  12. Ma dai!!! Vuoi dirmi che in America nessuno fa la casoela o la bagna cauda?!?! :-)
    Cari americani, morite di invidia! E massacrate tutti gli italiani che incontrate con "oh, italian!? Wow, I love Italy, very good food!"
    Eh, Emigrante, è consolante ogni tanto che racconti di queste "nostalgie" italiane....rende l'america un po' meno "brillante"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che la casoela e la bagna cauda sono pesantucci eh? :-)

      Elimina
  13. Ahah, questo post è fenomenale, mi hai fatto scompisciare.
    :)

    RispondiElimina
  14. Se vuoi ti mando un Limoncello per posta, così quando avrai nostalgia di qualcosa di tipico ti fai un sorso. XD

    Comunque è un vero peccato che l'America riesca a trasformare tutto in "qualcosa per la massa". Immagina cosa potrebbe diventare se ogni posto avesse qualcosa di particolare... se ci vai a fare una vacanza non sapresti dove fermarti. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'offerta, qui il limoncello si trova. Il Neutro Roberts invece..

      Quanto ai prodotti di massa, potrebbe diventare l'America, precisamente!:-)

      Elimina
  15. In Texas ho mangiato carne di LongHorn del Ranch dove mi trovavo, alla brace con spezie "segrete" a detta del titolare :)
    La migliore carne che abba mai mangiato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm Frank, non so come dirtelo, le spezie segrete si chiamano "tenderizer", una sostanza chimica usata in Texas che iniettata nella carne la rende appunto morbidissima.

      Elimina
  16. Che mestizia... :-( Comunque è proprio vero quello che dici, forse a parte i gustosi lobster (aragoste) e il clam chowder (zuppa a base di vongole) che abbiamo gustato nella zona di Plymouth!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S.: Per la precisione, li abbiamo mangiati a Cape Cod, nel Massachusetts.

      Elimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.