lunedì 2 luglio 2012

Terrore in Italia

E vai dal gelataio,  e scorgi il terrore nei suoi occhi se ci provi.
Dal pizzicagnolo nemmeno a pensarci, ti inseguirebbero per strada. Lo stesso nei ristoranti, non fare che provi ad essere indulgente o smemorato. Lo scontrino e' ormai rilasciato invariabilmente in Italia, e tu cliente non fare che ci provi a non prenderlo.
Fa specie vedere questo rispetto prussiano per lo scontrino.
Ma che avete fatto ai negozianti per terrorizzarli cosi?
Voster semper Voster

17 commenti:

  1. A parte il fatto che se vivessi in pianta stabile in Italia ti accorgeresti che non è così, però diciamo che una parte di popolazione si è rotta le palle di pagare le tasse anche per chi le evade e quindi qcn ha iniziato a chiedere scontrini fatture e ricevute.
    E comunque i gioiellieri, i ristoratori, i taxisti, i gelatai, i macellai, gli idraulici, i falegnami e tanti altri continuano a dichiarare delle cifre da capogiro comprese fra i 12 e 17 mila euro all'anno. Lordi ovviamente.
    Ma l'importante è che la nazionale vinca dando spettacolo(????)...

    RispondiElimina
  2. che?!?!?!?!? Ora mi viene da chiedermi se sei tu che hai trovato tutte le eccezioni, oppure se sono io che le trovo quotidianamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UHm devo essere capitato in Svizzera dici? :-)

      Elimina
  3. Non molto tempo fa, in Italia, uscendo dal parrucchiere, mi sento afferrare per un braccio, mi giro e vedo la maestosa divisa color grigio tristezza della finanza.
    Il finanziere mi chiede in modo scontroso :"cos'ha fatto là dentro?" io avrei voluto rispondere :"la pupù" ma dico la verità, mostrando la mia ricevuta.

    Esce un altro sfortunato, evidentemente aveva buttato la ricevuta, stessa domanda, risposta non giustificata dalla ricevuta, ahimè persa.

    Entrano dentro il locale e cominciano a sbraitare agli altri clienti,cose del tipo: " che aveva fatto quest'ultimo cliente?" tutto questo urlando...giuro cose mai viste.

    La storia è finita con una bella multa al parrucchiere...ovviamente dopo avergli fatto tirare fuori tutti i registri dei conti ecc ecc...

    In più, questi contano i cl di shampoo che usi e riescono a calcolare con una bella espressione lineare, a quanta gente hai lavato la testa...se usassero un equazione di Cauchy, sarei più tranquillo, ma loro fanno proprio le proporzioni, quelle che si fanno alle medie!:D

    Stesso discorso in pizzeria vanno a controllare perfino le scatole!

    Sta a noi decidere se sia lo stato, ormai, troppo indulgente o noi troppo furbi..

    Finisco col dire che comunque sia, queste benedette tasse, non le paghi o le paghi, i servizi non li danno lo stesso.

    Ciao Emigrante,

    Buona Vacanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che questa fa il paio con il conteggio dei pasti di un ristorante che deriva dal consumo di caffè : tot kg acquistati diviso 7 grammi a dose = x caffè serviti;
      a questo punto moltiplichiamo x per una media di y euro a pasto ed otteniamo il volume di affari del ristorante, se il fatturato reale non soddisfa i requisiti calcolati via con un bell'accertamento induttivo più sanzioni;
      i soldi eventualmente ottenuti (oppure estorti ? difficile dirlo) verranno scrupolosamente buttati nel pozzo senza fondo del bilancio statale.

      Elimina
    2. Sara' mica troppo invasivo?

      Elimina
    3. "oppure estorti?" ...già!
      ah, se ci potessi fare qualcosa, io, privato cittadino Italico, con la ricevuta del barbiere o del ristoratore..come sarebbe bello! :)

      Elimina
  4. e finalmente!!
    valescrive

    RispondiElimina
  5. I negozianti sentono un po' di strizza -e comunque per quanto mi risulta sono quelli che bene o male li hanno sempre fatti, gli scontrini- ma i pesci grossi coi redditi stratosferici continuano a non fare le fatture. Cioè, nel 2012 c'è ancora chi ti chiede due somme diverse a seconda del "fattura o senza?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta ci devo scrivere su questa cosa, l'illuminismo e la rivoluzione francese

      Elimina
  6. Questo post sul terrore generato dalla famigerata IRS de noartri mi spinge a chiedere al nostro Emigrante se quando torna ha voglia di scrivere una guida "Le tasse in USA for dummies";
    so che in parte l'argomento è già stato trattato ma mi piacerebbe sapere nello specifico come funzionano le detrazioni che può effettuare il cittadino, cioè a grandi linee quali spese possono essere detratte ed in quale percentuale, visto che qua nella repubblica delle banane ci dicono essere un metodo impossibile da applicare e/o fallimentare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In generale non scrivo mai su commissione. :-) Cio' detto prima o poi ci scrivo.

      Elimina
  7. Un nome noto della medicina romana,primario in un ospedale pubblico ma con studio privato, dopo tre mesi di attesa per la ricevuta che mi avrebbe mandato a casa,dopo che si e sentito dire che avrei chiamato la finanza me l'ha mandata con pony express,ma vi pare possibile arrivare alle minacce?

    RispondiElimina
  8. Ieri in copisteria mi sono beccato un'occhiataccia per aver chiesto lo scontrino di una spesa di 32€. Però poi me l'hanno battuto. Olé!

    Buone vacanze!
    W.

    RispondiElimina
  9. se vengo servito bene non lo chiedo o chiedo di non averlo, nel caso in cui non hanno intenzione di farmelo lo richiedo!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.