giovedì 3 aprile 2014

Nuove Elucubrazioni di un esistenzialista

Forse ė possibile che prima o poi l'universo smetta di espandersi per collassare infine su se' stesso.
E  quindi tutto ripetersi identico infinite volte. Dal big bang in poi.
Una meccanicista, ineluttabile, ripetizione delle cose.
E cose avvenute in tempi distanti non riusciranno mai ad annullare l'ineluttabilità del destino.
Osservo con stupore le cose accadere, mentre noi viviamo  questo piccolissimo, infinitesimo  istante che chiamiamo vita.
Ma che forse si ripeterà ancora ed ancora. O forse no, e questo fa schifo.
Voster semper Voster




20 commenti:

  1. Ti fa schifo che le cose non si ripetano?
    Vorresti quindi che i dinosauri tornino a popolare la Terra? Che Berlusconi faccia un nuovo governo? Che si ricombatta la seconda guerra mondiali? Che si torni ad indossare i pantaloni a zampa?

    RispondiElimina
  2. E che hai contro i dinosauri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. contro i brontosauri nulla in quanto sono vegetariani!!

      Elimina
    2. ah, se ti piace lo stile di Roth, ti piacerà anche quello di Sandor Marai in "Le braci".

      Elimina
  3. Ciao Emigrante,
    Perchè un evento possa ripetersi deve esistere il tempo mentre probabilmente il tempo non è altro che un impressione che ha l'uomo. O meglio l'impressione del tempo è "creata" dalla mente per distinguere ciò che è già accaduto da quello che deve ancora accadere.
    Siamo fatti di atomi che a loro volta sono costituiti da particelle elementari. Le particelle elementari seguono poi leggi quantomeno bizzarre che abbiamo chiamato meccanica quantistica. Una particella elementare può essere contemporaneamente in due posti diversi. Se la guardi si comporta come una particella mentre se non la guardi si comporta come un onda. Per i fisici può andare avanti nel tempo ...sempre che questo esista!
    Non vorrei però che dopo questa elucubrazione ora l'emigrante avesse ancor meno certezze.
    E' sempre un piacere leggerti
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo infatti può definirsi definito come la dorezione di crescita dell'Enteopia. Ma ottima la disquisizione, un tempo ci campavo con la meccanca quantistica

      Elimina
    2. chissa forse potresti tornare a camparci con la meccanica quantistica. Dopo il cloud se si riuscissero a produrre per davvero i computer quantistici...
      In ogni caso, a volte, per porre rimedio ad elucubrazioni troppo profonde può bastare un buon bicchiere di Lagrein, prima, durante o dopo i pasti...
      Come "stati messi" con il vino di buona qualità in California?
      saluti

      Elimina
  4. "O forse no, e questo fa schifo".
    gia'.

    RispondiElimina
  5. il mio gia' e' un: si' hai ragione, la tua frase "o forse no, e questo fa schifo" e' vera. Sono d'accordo con quello che scrivi. Che non e' frequente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa? Si può non essere d'accordo con quello che scrivo?

      Elimina
  6. quasi sempre, direi.

    RispondiElimina
  7. Sei evidentemente in America, sbaglio?

    RispondiElimina
  8. Ed eccomi precipitare ancora nell'angoscia esistenziale che mi aveva afflitto post-partum. Emigrante, te possino!

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.