venerdì 25 marzo 2016

Qualche Proverbio Calabrese

Come molti di famiglie emigrate dal sud al nord,  io sono cresciuto bilingue e con un'educazione multiculturale. In pratica in casa si parlava calabrese jonico come prima lingua,  e ci si riferiva spesso alla saggezza popolare millenaria della terra natia. I proverbi di mia madre sono stati un bastione della mia educazione.
Ne riporto di seguito quelli che ricorrevano  più spesso (con traduzione ove necessario):

Na vota si gabba a vecchia (Una volta si imbroglia la vecchia)
U suricio dicitti ara nuce: "dammi tempo ca ti cupo" (Il topo disse alla noce:" dammi tempo che ti buco")
Intanto ca u medico studia u malato a mortu 
Tre su gli abburrati: i vecchi i giuvini ed i malati (Tre sono gli illusi..)
U chino u crida aru diuno (Chi e' pieno non crede a chi ha fame)
Senza sordi u se ne cantano misse
U curnutu unchia unchia e po' scoppia (Il cornuto gonfia gonfia e poi scoppia)
De veneri e di marte nun si sposa ni si parte
Ha cantatu u cuccu (Ha cantato il cuculo, significa è passato ormai il tempo)
Furia francese e ritirata spagnola
A ragiuni è di di fissi
Cocila come vo, sempe cucuzza resta
U ciuccio i tanti monachi mora i sita
Cu sparta pigghia sempe u megghiu (chi divide ha sempre il meglio)
U voijo chiama cornutu u ciuccio
A vecchiaia è 'na carogna
Dopo a quarantina, nu guaio ogni matina

E non crediate che non ricorra a questi proverbi (ed in calabrese jonico)  anche qui in Silicon Valley.

Voster semper Voster

1 commento:

  1. ne aggiungo uno ...Più i vuci che i nuci

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.