lunedì 10 febbraio 2014

Piccoli pensieri notturni

Tutto è comnciato stanotte verso le due, mentre pensavo a semplici (ma fondamentali) problemi matematici sull'infinito.
Poi sono passato a temi universali come l'amore, la morte, la speranza, i figli.
E dunque ho considerato su chi fossi realmente e che volessi.
Quindi come ovvia conseguenza, e perchè la cosa fosse sopportabile, mi sono alzato a mangiare mandorle salate.
Ed un piccolissimo bicchiere di vino dolce.
Voster semper Voster

9 commenti:

  1. Caro Emigrante, leggendo questo post mi hai fatto venir voglia di esser dentro quella tua testa così affascinante :)
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impossibile! Mica ci stiamo, ho una capoccetta piccolissima. :-)

      Elimina
  2. A me invece e venuta voglia di mandorle salate ...che vino era?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un semplicissimo moscato, ma di qualità

      Elimina
  3. Che bel post.
    È arrivato fin qua l'odore di quel vino.

    RispondiElimina
  4. Se mi alzassi di notte a mangiare (ho sempre fame ultimamente) riceverei una padellata in faccia dal marito.
    Ah, bello essere uomo. :)

    RispondiElimina
  5. Ed io a Boston mentre il mio cane non mi fa dormire, leggiucchio il tuo blog. Ti va di parlarne del tuo blog al programma radiofonico web http://litaliachiamo.wordpress.com ?

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.