venerdì 5 aprile 2013

Alcune grandi domande

Ma che avete votato a fare 40 giorni fa?
L'Italia ora e' una Repubblica Democratica saggia?
Come si diventa "saggio"?
Quanto guadagna un 'saggio"?
Se uno si dimette da "saggio" che diventa? Un cretino?
Un saggio ha sul biglietto da visita la qualifica di "saggio"?
Ma i "saggi' diranno mai cazzate immonde?
Esiste un altro paese che ha un Primo Ministro eletto da un parlamento scaduto e nominato da un Presidente della Repubblica a sua volta  eletto da un parlamento scaduto anni fa?

Voster semper Voster
UnOzioso

23 commenti:

  1. Sapere che sono domande che ci facciamo anche noi potrebbe consolarti?

    RispondiElimina
  2. Quanto ti manca l'Italia ?
    Per quando hai in progetto di tornarci ?
    Io credo che fondamentalmente non hai mai lasciato l'Italia, secondo me sei solo in "trasferta". Fra tutti gli emigranti che leggo sei l'unico passa così tanto tempo a pensare alle beghe di quello che ormai dovrebbe essere solo un passato neanche troppo felice. E questo mi fa pensare che in realtà il cordone che ti lega alla madre patria sia sempre lì, intonso.
    Quando deciderai di tornare sarai il benvenuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando il saggio indica la luna...

      Elimina
    2. Lo stolto guarda il dito! hahahaha

      Elimina
    3. Che ci vuoi fare, il mondo è pieno di stolti come me.
      Ma per lo meno potevi fare la cortesia di rispondermi ...
      E per concludere, nello specifico, io sarei parte della Luna ...

      Elimina
    4. Su su non farmi il permaloso. Non ti rispondo perche' le tue domande sono banali e ridondanti.

      Elimina
    5. io penso che chi emigra abbia il diritto di non lagnarsi più. Ha lasciato il Paese, che noi tutti odiamo ed amiamo, e debba per questo smetterla di arrabiarsi. Ma mica per noi, che qui restiamo, ma per lui stesso. Che senso ha pensare all'Italia e ai suoi problemi se non si vive più qui?
      Indirettamente so che significa essere emigranti ed è una condizione, purtroppo, brutta. Chi dice il contrario dice solo cavolate... Saluti

      Elimina
  3. penso anch'io la stessa cosa ,probabilmente sognerà in segreto di tornare in Italia ,è fatale quando si è calabresi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ......non guardare il dito

      Elimina
    2. Tu presupponi che sia di fianco al saggio ... e la presupposizione è la madre del ...

      La Luna come si pone in questo sistema ?

      Elimina
  4. La tua proposta?

    La sabbatica

    RispondiElimina
  5. Vivo anche io fuori Italia da anni. Non mi sfiora neanche lontanamente l'idea di tornarci stabilmente. Comunque da quando me ne sono andato, seguo le vicende Italiane in modo piu assiduo di quando ero la. Penso che a tutti noi emigranti dia parecchio fastidio lo sfacelo corrente. Probabilmente vivi in un posto dove le cose funzionano meglio, il grado di fastidio sale....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo al millimetro con la tua analisi. E' cosi'

      Elimina
  6. Sono da poco qui a L.A. Ma prima di partire ho avuto il tempo di votare (esercizio doveroso ma quanto mai inutile in Italia).Dato che comunque rimango un ingenuo sognatore/speranzoso mi sono detto:"forse presto potrebbe cambiare qualcosa e chissa'...".Il risultato pero' e' davanti agli occhi di tutti:il solito schifo!
    Ciao emigrante.Ti ho scoperto(purtroppo)da poco ma fin da subito mi sei stato molto utile.Continua cosi'.Un nuovo lettore da L.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mo grassie. Benvenuto in questa parte di mondo.

      Elimina
  7. Grazie e te. Apprezzo le persone che dedicano una parte del loro tempo agli altri. Raccontando le tue esperienze a tuo modo lo fai. E alcune sono anche piuttosto divertenti. Leggendo il tuo " diario" ho trovato cose conosciute e sconosciute. Ho trovato anche cose poco incoraggianti per chi come me e' agli inizi,ma e' giusto non nascondere la realta' e prepararsi.In fondo, vivendo in Italia,si impara a sopportare veramente di tutto.....

    Il nuovo lettore da L.A.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. secondo me...l'emigrato in genere, vede l'Italia, metaforicamente parlando, un po' come la ragazza di cui ci si e' innamorati follemente alle scuole ..e che inesorabilmente non ti ha mai filato
    ...e adesso dopo tanto tempo la rivedi, abbruttita quasi devastata e pensi, guarda come ti sei ridotta, mentre tu gongoli con una moglie brava, buona e tranquilla ma che in realta' non ami e non amerai mai ....

    almeno cosi' mi sento io ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima questa analisi, non so se vera per tutti gli emigranti ma bellissima.

      Colgo l'occasione per fare i complimenti a Emigrante per il suo Blog: ce ne fossero...

      Elimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.