venerdì 6 marzo 2020

Una ragionata analisi sul Corona Virus: non ci capisco più una minchia

Leggendo ed informandomi su internet, sono arrivato alla conclusione che il corona virus è poco più di un'influenza ma che uccide il 4% degli infetti. Che sta mutando e che si diffonde ad una rapidità spaventosa. Le aziende (incluso la mia) chiudono gli uffici, i meeting di business sono tutti cancellati, gli stati nazionali sono in panico, l'economia sta avendo un tracollo.
I media periodicamente avvisano che la situazione è grave, ma che non c'e' da allarmarsi.
Ci sono stati dei pisquani che hanno organizzato iniziative a tema #abbracciauncinese, e chi ancora oggi vorrebbe eventi in piazza in cui abbracciarsi collettivamente  come risposta alla paura del virus.

In pratica non ci capisco una minchia,  siamo fottuti o no?

Voster semper Voster
UnQuarantenato Emigrante

9 commenti:

  1. Io eviterei gli eventi in piazza in cui ci si abbraccia collettivamente... sempre che tu non ci tenga a prendertelo, il CoViD-19 :D

    Per il resto, se non sei un health care professional o uno con weak immune system, allora puoi andare in giro senza mascherina, lavarti le mani e stare distante da chi presenta sintomi.

    Se non hai altre patologie anche se la prendi la sfanghi.

    Fare attenzione con anziani, per loro è più pericolosa, ma è sempre così.

    Siamo fottuti? No, se rispetti le norme igieniche, non vai nel panico, e tieni la distanza da chi presenta sintomi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che tu abbia ragione

      Elimina
    2. Lo spero anche io ...

      Ho appena guardato un documentario sulla swine flu del 1918 e non sono più così sicura...

      Elimina
  2. Ciao. Dalla zona rossa-arancione (treviso e dintorni)... il problema non è il virus in sé ma la facilità e velocità con cui si diffonde. I posti in terapia intensiva sono un numero limitato...non coprono il fabbisogno. E si ammala anche il personale sanitario, di tutti i gradi...e non è che ne abbiamo poi cosi tanti pronti a supplire alle assenza.Probabilmente buona parte dei decessi si sarebbe verificata a breve in ogni caso, ma purtroppo le conseguenze ricadono a pioggia su tutti. Non è certo un buon momento per farsi venire un infarto o aver necessità di un intervento chirurgico di qualsiasi tipo. È triste constatare l'assenza di senso civico e lungimiranza dei piu...

    RispondiElimina
  3. Scusate ma non ho voglia di accedere, sono uno specializzando in ospedale in italia,oggi e il mio primo riposo in 15 giorni, smettetela di dire che è un influenza per vecchi, si la maggior aprte dei sintomi gravi e di chi non ce la fa è anziano e/o ha patologie pregeresse, CIO NON SIGNIFICA CHE I GIOVANI SIANO IMMUNI, a farla breve (ma davvero davvero breve)la reazione immunitaria vi riempie i polmoni di liquidi, e se il vostro sistema non trova altre vie.. beh annegate. che siate giovani, sportivi, carini ecc, quindi norme igieniche la cippa di sta minchia(scusate francesismo) la soluzione è solo ed esclusivamente evitare contatti umani esterni al proprio nucleo famigliare (genitori e figli conviventi) perchè magari anche il vostro vicino è malato e asintomatico e senza volerlo vi silura..
    ERGO SE SEGUITE SCRUPOLOSAMENTE LE INDICAZIONI NON SIETE IN PERICOLO, SE FATE COME VI PARE ARRIVERA' IL GIORNO IN CUI LE STRUTTURE COLLASSANO, e poi tutti a piangere..
    Marco Simeoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Marco del contributo, e grazie per cio' che fai in questi giorni.
      E' davvero terrorizzante.

      Elimina
  4. Ciao, da tanto che non passavo. Siamo fottuti. Come va da te?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, concordo. Inforno pane, scrivo codice, lavoro, ogni tanto giro in moto. Va cosi', senza grandi orizzonti

      Elimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.