martedì 26 febbraio 2013

Una coda italiana ed un bambino

Una domenica di Febbraio, fredda ed uggiosa. Dei tizi stanno in coda con il naso gocciolante. Una macchina con dentro un bambino ed il padre passa.
Questo il resoconto della conversazione avvenuta nella macchina tra il bimbo ed il padre:
"Papa', cosa fanno quei signori in coda?"
"Aspettano di votare"

"Ah!" fa il bambino, che ovviamente ignora che significhi "votare".

"Il popolo sovrano, insomma noi tutti,  decide da chi farsi governare, e chi puo' fare le leggi"

"Bello!"  fa il bambino,  "insomma da grande posso scegliere chi comanda il paese e chi fa il Presidente. Come Obama in Tv?"

"Non proprio, qui da noi tu voti i partiti, e loro scelgono per te"

"E che sono questi partiti?"
" Un gruppo di persone per lo piu' fannullone e disoneste che  di mestiere fanno la politica. Cioe' decidono per te"

"Uhm..Perche' non posso scegliere io chi fa le leggi? "
"Perche'......Perche'.......non lo so perche"

"Ma noi abbiamo un Presidente, quello vecchio ed un po' rimbambito.."
" Si' noi abbiamo il Presidente"

"E tu l'hai votato?"
"No, sono i partiti che decidono chi fa il Presidente"

"Ma se decidono tutto questi partiti, quei signori li' perche' stanno in coda per votare"
"Ma perche' la Democrazia.....perche' la rappresentanza.......Perche' sono dei coglioni illusi!"

"Tu hai votato Papa'?"

Voster semper Voster



13 commenti:

  1. ...bellissima!

    Sogno segretamente di espatriare !!!!!!

    RispondiElimina
  2. Non condivido questa parabola, perchè per cercare di andare meglio dovremmo iniziare a cambiare i ns rappresentanti. Io nonostante tutto all'italia ci credo, sarò illuso ma certamente non scappo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vantarsi del "non scappare" è solo un giustificarsi con se stesso per non avere le palle di farlo. Oltre al fatto che uno non è che "scappa", la vita è una, perchè non scegliere di vivere in un posto migliore, senza perdere tempo dietro a ladri ed impostori?

      Elimina
    2. Bof, il solito italiano incarognito.

      Elimina
  3. "perchè non scegliere di vivere in un posto migliore, senza perdere tempo dietro a ladri ed impostori" è ancora molto discutibile così come "non scappare" è solo un giustificarsi con se stesso per non avere le palle di farlo",ma tu conosci forse tutti i singoli casi ?? io toglierei il diritto di voto a chi risiede fuori dal proprio paese per esempio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bof, il solito italiano incarognito.

      Elimina
  4. ....non so se mi sono spiegata abbastanza bene....
    IO... VOGLIO.... SCAPPAREEEEEE......ma non posso....ciò non toglie che se potessi lo farei, non partire, risiedere fuori o cambiare paese. Scappare proprio perchè da questo paese l'unico termine per spiegare una partenza, di qualunque genere, è questo!

    RispondiElimina
  5. Anonimo ma dove scappi? Ti rispediscono in Italia a pedate, se ti dice bene.

    RispondiElimina
  6. Il problema non è la legge elettorale (qualsiasi essa sia), ma la mentalità degli elettori. Paghiamo la benzina quasi 2 euro al litro e nessuno dice niente, monolocali a 350k euro e idem. Il problema non sono i politici o la legge per eleggerli, il problema siamo noi.

    RispondiElimina
  7. Sono l'anonimo del 28 febbraio (non quello del 1° marzo), lo scappare non era rivolto a nessuno. Rispetto per la vita e le carriere di tutti. Il concetto era solo che se uno lavora in italia, ha una carriera, anche se non brillantissima come vorrebbe, magari anche un'attività si deve battere per il proprio paese e cercare di farlo lavorando il doppio. Purtroppo penso che tutto il mondo sia paese, l'eldorado non esiste da nessuna parte. Io rispetto L'Emigrante, leggo sempre il suo blog, mi fa divertire, ne condivido a volte le idee , ma secondo me è difficile (come lo è per me da qui) valutare bene l'evolversi della vita sociale e politica di un paese che non si vive giorno per giorno. La parabola secondo me è un po' banale... cmq è il suo blog e lui scrive che gli pare! Per concludere dico che la nostra politica farà schifo, ma non possiamo chiudere i battenti e scrivere sulla frontiera " Scusate ci siamo assentati ... " :-)
    Bodyhi

    RispondiElimina
  8. Mah, Io ho accettato di trasferimi in US circa 5 anni fa. Nel 2003, ho venduto la mia piccola societa alla ditta per cui sto lavorando tuttora. Prima di vendere avevo posto delle condizioni per cui l'attivita Italiana fosse mantenuta. La cosa e stata accettata a patto che la dirigessi e mi occupassi anche di alcune cose negli US. Mi sono fatto dal 2004 al 2009 viaggiando tra US e Italia ogni 3 settimane (2 settimane la una in Italia). Tranne pochissimi, molti dei miei ex dipendenti mi criticavano pure perche loro non avrebbero fatto quella quella vita... Nel 2008, allo stremo delle forze e schifato dal livello di impegno che vedevo profuso da molti dei miei ex dipendenti, ho deciso di trasferimi. 15 mesi dopo la societa e stata chiusa e sono stato pure accusato di non aver fatto a sufficienza.... Per il genere di lavoro e per questioni etiche, non ho mai evaso 1 euro di tasse, quando ho venduto, ho pagato senza fiatare, una tassazione insensata. Il motivo per cui ho venduto, era semplicemente perche non riuscivo a finanaziarmi in quanto fino al 2003 in Italia chiunque facesse cose innovative(non so ora ma non penso sia molto diverso), per finanziare la propria azienda era costretto a fornire garanzie personali a copertura del 150% dell'importo garantito. Ho fondato la mia aziendina nel 1998 posso dire che tutto sommato era abbastanza profittevole. Facevamo cose non molto facili a livello ingegneristico,ma a causa della tassazione etc, campavo in modo piu o meno similare ad un normalissimo medico o un idraulico. Per buona parte della popolazione la persona sbagliata ero io non il resto del sistema. Ti posso confermare che l'eldorado non esiste da nessuna parte, ma esistono posti a differenza dell'Italia dove l'etica, il senso civico e altre "stupidaggini" del genere sono quantomeno non deprecate...

    RispondiElimina
  9. Bella storia la tua, hai ragione su quasi tutta la linea. Ma ci sono attività che non si puo' decidere di prendere e portare negli US. A me piacerebbe trasferirmi in un posto dove il merito vale qualcosa, ma il mio tipo di lavoro è mal esportabile.
    Io rispetto l'etica e il senso civico e cerco sempre di porli avanti in ogni decisione, a volte non si viene capiti... purtroppo.
    Bodyhi

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono accettati, se non violano le leggi americane o italiane. Tutto cio' che non e' un commento (spam, offese, richieste, etc) oppure mi infastidisce verra' cancellato.